Programma dell'anno accademico 2011-2012

I luoghi e i nonluoghi nelle letterature svizzere

La distinzione oppositiva tra luoghi e nonluoghi, che rinvia alla riflessione antropologica di Marc Augé, potrebbe essere esplicitata attraverso una lunga serie di coppie astratte, tutte plausibili : identità-anonimia, orientamento-disorientamento, abitabilità-inabitabilità, umano-disumano, orientamento-smarrimento, individuo-folla, naturale-artificiale, reale-irreale, centro-periferia, ecc. In riferimento alle letterature svizzere, possiamo servircene per osservare la dinamica di costituzione di uno ‘spazio letterario’, colto attraverso un campione di testi. In riferimento alla letteratura ‘della’ (o ‘nella’) Svizzera italiana, l’attenzione si concentra sulle modalità con cui gli autori ci parlano di luoghi e di non luoghi, in chiave referenziale o simbolica. Pensiamo alla costruzione storicistica del poema in sonetti di Francesco Chiesa, a certe topografie malinconiche del Ticino di Plinio Martini, alla Svizzera-Monopoly di Giovanni Orelli, ai paesaggi minacciati di Remo Fasani. I luoghi e i nonluoghi riconoscibili nella realtà si sovrappongono spesso, certo, a quelli reperibili nel discorso letterario. Non si tratta, tuttavia, di guardare a come una realtà socio-politica e amministrativa possa ritrovarsi nella letteratura, bensì di osservare come gli scrittori ci parlino dei luoghi, come li rendano identificabili nei loro testi e come portino il lettore ad attraversamenti spaziali sempre più o meno reali e sempre più o meno immaginari. Il campione di testi proposto farà riferimento alla recente poesia della Svizzera italiana con l’obiettivo di cogliere le diverse ‘poetiche dello spazio’ implicite nel trattamento linguistico-retorico dei luoghi e nei dispositivi di posizionamento dell’io rispetto ad essi.  

Seminari proposti nell'anno accademico 2011-2012

semestre autunnale

Dominik Müller, UNIGE: Gottfried Kellers Seldwyla und andere imaginäre Orte in der deutschsprachigen Literatur der Schweiz. Lundi 14-16h.

Alberto Roncaccia, UNIL : "Enunciazione e deissi dello spazio nella recente poesia della Svizzera italiana". Jeudi 10-12h.

Peter Utz und Irene Weber Henking, UNIL : Friedrich Glauser, traduit en français: Die französischsprachige Rezeption eines Deutschschweizer Autors. Mardi 10-12h.

Peter Utz, UNIL : « Seldwyla » – Gottfried Kellers erfundene Schweiz. Lundi 15-17h

 

semestre primaverile

Sylviane Dupuis, UNIGE : Blaise Cendrars, « Du monde entier » et « Dix-neuf poèmes élastiques » (1912-1919), ou la danse des paysages, du monde réel au monde imaginaire. Jeudi 16-18h, salle A 211.

Peter Gasser, UNINE: Friedrich Glauser. Mardi 14-16h.

Reto Sorg, UNIL: "Orte" und "Nicht-Orte" in Friedrich Dürrenmatts "Stoffen". Mardi 15-17h.

François Walter, UNIGE : Patrimoine, mémoire, histoire : des lieux et des objets. Lundi 10-12h.

 

Séminaires autour des littératures suisses

Maximilian Bergengruen, UNIGE : Robert Walser: Zwischen Psychologie und Mystik.

Dominik Müller, UNIGE: Gegenwartsliteratur aus der deutschsprachigen Schweiz (Blockseminar gemeinsam mit PD Fabian Lampart, Freiburg i. Br.). 


Recherche:
 dans ce site:
   
   
   
 Rechercher
Annuaires      Site map

Anthropole 5057 - CH-1015 Lausanne  - Suisse  -  Tél. +41 21 692 29 79  -  Fax  +41 21 692 29 35